anvilarrowarrow2arrow3cataloguecheckcheck2google-plusgridhomelinkedinmudoilphotogalleryplaysearch-lensshareslashwoodyoutube

Brik

Le presse bricchettatrici meccaniche, grazie alle elevate pressioni esercitate in camera di compressione (circa 2000 kg/cm²), danno origine ad un bricchetto di elevata qualità e risultano essere, per loro costruzione, assai affidabili e durature. Inoltre il rapporto produzione oraria/kW utilizzati ed i costi di gestione delle bricchettatrici meccaniche sono particolarmente vantaggiosi rispetto a quelli di altre tecnologie presenti sul mercato.

Le presse bricchettatrici meccaniche Di Più serie BRIK si propongono come macchine adatte a soddisfare le esigenze di quei clienti che hanno la necessità di compattare quantità elevate di scarti e che ricercano una macchina prestazionale, robusta, efficiente, di grande qualità costruttiva, duratura nel tempo e che possa lavorare senza problemi 24 ore al giorno. Esse sono state sviluppate grazie, soprattutto, all’esperienza trentennale nel settore che ha portato Di Più a sviluppare soluzioni tecniche singolari ed assolutamente affidabili.

Gamma prodotti

La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK sviluppa una potenza di compressione di circa 2000 kg per cm², ottenendo un bricchetto di alta qualità e peso specifico, con una notevole riduzione di volume, senza aggiunta di collanti.  Il materiale da bricchettare deve essere cellulosico e secco, avente una percentuale di umidità compresa tra il 8 e il 13%.  La produzione oraria si riferisce a materiale che abbia in origine, allo stato fuso, un peso specifico pari a 160-200 kg/m³.   

La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK sviluppa una potenza di compressione di circa 2000 kg per cm², ottenendo un bricchetto di alta qualità e peso specifico, con una notevole riduzione di volume, senza aggiunta di collanti.  La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK è progettata per processare scarti agricoli di svariata natura come paglia, fieno, miscanthus, tabacco, polvere di cotone, torba, sansa, stocco del mais, lolla di riso,  bucce di arachidi  e molti altri scarti di lavorazione. Il materiale da bricchettare deve essere cellulosico e secco, avente una percentuale di umidità compresa tra il 10 e il 20%.  La produzione oraria si riferisce a materiale che abbia in origine allo, stato fuso, un peso specifico pari a 80-120 kg/m³. 

La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK sviluppa una potenza di compressione di circa 2000 kg per cm², ottenendo un bricchetto di alta qualità e peso specifico, con una notevole riduzione di volume, senza aggiunta di collanti.  La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK è progettata per processare scarti di materiali utilizzati per l’isolamento termico quali poliuretano (PU), poliisocianurato (PIR), resine fenoliche, fibra di legno e molti altri. La produzione oraria si riferisce a materiale che abbia in origine allo, stato fuso, un peso specifico pari a 35-50 kg/m³. 

La bricchettatrice meccanica della Serie BRIK sviluppa una potenza di compressione di circa 2000 kg per cm², ottenendo un bricchetto di alta qualità e peso specifico, con una notevole riduzione di volume, senza aggiunta di collanti.  La Bricchettatrice meccanica Serie Brik è progettata per processare diversi scarti quali carta, fibra tessile, MDF, rifiuti solidi urbani (CDR-RDF), rifiuti ospedalieri trattati e molti altri ancora. Il materiale da bricchettare nella maggior parte dei casi deve essere cellulosico e secco, avente una percentuale di umidità compresa tra il 10 e il 20%.  La produzione oraria si riferisce a materiale che abbia in origine allo, stato fuso, un peso specifico pari a 160-200 kg/m³.